Quanto costa una stampante 3D odontoiatrica?

Dental technician works on a computer next to a Form 4B 3D printer

Il futuro dell'odontoiatria e dell'ortodonzia è digitale. Le tecnologie odontoiatriche all'avanguardia per impronte, pianificazione del trattamento, design e scansione e stampa 3D stanno trasformando migliaia di studi e laboratori in tutto il mondo. Man mano che i software CAD/CAM continuano a sostituire i workflow tradizionali diventando lo standard di cura dentale, tutte le attività odontoiatriche e ortodontiche devono considerare l'adozione di soluzioni digitali.

La principale preoccupazione è rappresentata dai costi legati all'adozione della stampa 3D per l'odontoiatria in-house. Questa stampante è più adatta alla propria attività? L'investimento andrà in pareggio? Quale sarà il ritorno d'investimento (ROI)?

I prezzi delle stampanti 3D odontoiatriche oscillano tra poche migliaia e i 100 000 €, a seconda di fattori come processo di stampa, rendimento richiesto, azienda produttrice, servizi, supporto, materiali e molto altro. Tuttavia, un prezzo più elevato non è sempre sinonimo di una soluzione migliore. 

In questa guida illustreremo:  

  • Il costo reale dell'investimento e dell'utilizzo di diverse stampanti 3D odontoiatriche
  • Un confronto tra esternalizzazione e produzione interna
  • I diversi fattori da tenere in considerazione per calcolare il costo per parte
  • Le considerazioni non economiche per il confronto di varie soluzioni di stampa 3D e altri metodi di produzione
Strumento interattivo

Calcola il risparmio in termini di tempo e costi

Prova il nostro strumento interattivo per il calcolo del ROI e scopri quanto puoi risparmiare, in termini di tempo e costi, stampando in 3D con le stampanti odontoiatriche Formlabs.

Calcola quanto puoi risparmiare

Scelta di una stampante 3D odontoiatrica

Odontotecnica che solleva il coperchio di una stampante 3D Form 4B

La stampante 3D odontoiatrica Form 4B è progettata per garantire velocità, precisione e affidabilità, con workflow intuitivi che rendono il funzionamento facile ed efficiente.

La scelta di una stampante 3D odontoiatrica deve tenere conto di alcuni fattori, oltre al prezzo. In generale, chi si occupa di odontoiatria dovrebbe considerare:

  • Precisione: per chi lavora nel settore dell'odontoiatria, garantire parti finali precise e di alta qualità è fondamentale. Accuratezza e precisione dipendono da molti fattori diversi: qualità della stampante 3D, processo di stampa, materiali, impostazioni del software, post-elaborazione e livello di calibrazione dei sistemi.

  • Affidabilità: professionisti e professioniste dell'odontoiatria lavorano con tempistiche ristrette. Indipendentemente dal fatto che si debba stampare un apparecchio in giornata o lavorare ininterrottamente per garantire la massima efficienza produttiva, gli errori di stampa comportano costi aggiuntivi e il mancato rispetto delle scadenze. 

  • Manutenzione: occorre valutare i tipi di interazione e manutenzione quotidiane di cui la stampante avrà bisogno una volta che sarà operativa. I costi di assistenza e manutenzione possono rivelarsi elevati se non si opta per un piano dedicato.

  • Facilità di utilizzo: ci sono grandi differenze nel software utilizzato per preparare i modelli 3D per la stampa, nella complessità e nel numero di passaggi per impostare e far funzionare le stampanti, nella disponibilità di strumenti di post-elaborazione e nei gradi di automazione, nonché nelle risorse disponibili per l'apprendimento di workflow per nuove applicazioni.

  • Materiali: i materiali disponibili per una singola stampante 3D e la facilità nel passare da un materiale all'altro influiscono sulla gamma di apparecchi stampabili, uno degli aspetti più interessanti delle tecnologie di odontoiatria digitale. 

  • Volume di produzione: quando si investe in una stampante 3D odontoiatrica è importante tenere conto di impostazioni di stampa, tempi di post-elaborazione e volumi di produzione. Preparazione della stampante, impostazione dei progetti nel software per l'odontoiatria e post-elaborazione delle parti sono tutti passaggi difficilmente rilevabili dai parametri di base dei tempi di stampa. 

Abbiamo preparato una guida gratuita per chi acquista una stampante 3D odontoiatrica che illustra più in dettaglio questi parametri. Per un'analisi più approfondita di questi parametri chiave suddivisi per specializzazione, scarica i whitepaper per i laboratori odontotecnici, l'ortodonzia o gli studi dentistici.

Tecnologie di stampa odontoiatrica: SLA, DLP e MSLA

Professionista dell'odontoiatria che indossa dei guanti e tiene in mano una piattaforma di stampa con modelli stampati in 3D. Dietro di lei è presente una stampante 3D Form 4B.

La Form 4B è una stampante 3D a stereolitografia mascherata (MSLA) che utilizza la luce proveniente da una serie di LED e un LCD per polimerizzare la resina in modo rapido e preciso.

Partiamo da alcune definizioni di base e da una panoramica sulle diverse tecnologie. Quelle per l'odontoiatria sono prevalentemente stampanti 3D a resina. A oggi le tecnologie di stampa 3D a resina più comuni negli studi e nei laboratori odontoiatrici e ortodontici sono la stereolitografia (SLA) tradizionale (basata su laser), l'elaborazione digitale della luce (DLP) e la stereolitografia mascherata (MSLA). Quest'ultima è spesso usata in maniera intercambiabile con la stampa 3D LCD. Il metodo più comune è la stampa 3D a resina invertita, in cui una piattaforma di stampa viene immersa in un serbatoio resina con fondo trasparente per creare parti capovolte, strato dopo strato, mentre la sorgente luminosa polimerizza uno strato sottile di resina dal fondo del serbatoio.

La differenza tra le tecnologie risiede nel modo in cui la luce viene utilizzata per polimerizzare la resina.

Stereolitografia (SLA): le stampanti SLA, come la Form 3B+, utilizzano un laser e galvanometri a specchio, che dirigono la luce verso le coordinate corrette su una serie di specchi, concentrando la luce verso l'alto attraverso il fondo del serbatoio e polimerizzando uno strato di resina. Le stampanti 3D SLA di Formlabs utilizzano la Low Force Stereolithography (LFS)™. La LFS riduce il grado di deformazione delle parti durante il processo di distacco dal serbatoio resina tra uno strato e l'altro, consentendo quindi di produrre parti nitide e precise, dotate di finitura superficiale liscia.

Elaborazione digitale della luce (DLP): le stampanti 3D DLP utilizzano un proiettore digitale come fonte di luce e un dispositivo a microspecchio come sistema ottico per solidificare selettivamente la resina. Con la DLP, tutto lo strato viene polimerizzato simultaneamente.

Stereolitografia mascherata (MSLA): la MSLA è il processo più recente che utilizza la luce proveniente da una serie di LED e un LCD come sistema ottico per polimerizzare un intero strato in modo rapido ed estremamente preciso. La Low Force Display (LFD)™ di Formlabs è una forma avanzata di MSLA, sviluppata per la Form 4B. La LFD è basata su una tecnologia completamente nuova, che comprende unità retroilluminata, unità di elaborazione della luce, film di rilascio e videocamera integrata. Inoltre, notevoli miglioramenti sono stati apportati a serbatoio con film di rivestimento flessibile, cartuccia di resina, gestione automatica della resina e sistemi di controllo intelligenti, che permettono di fornire in una sola stampante velocità, affidabilità e qualità delle parti di cui professioniste e professionisti hanno bisogno.

Base e interfaccia touchscreen della stampante 3D odontoiatrica Form 4B che mostra il tempo rimanente per una stampa
Webinar

Dimostrazione di prodotto: stampante 3D odontoiatrica Form 4B+

Estrema velocità e precisione senza pari si uniscono nella nuova generazione di stampa 3D per l'odontoiatria. Partecipa al nostro webinar per scoprire le innovazioni più recenti.

Guarda il webinar

Confronto dei costi delle migliori stampanti 3D odontoiatriche

Diamo un'occhiata ad alcune stampanti attualmente disponibili e analizziamone i costi, che comprendono sia i costi iniziali che quelli di manutenzione a lungo termine. Al momento dell'acquisto di una stampante 3D odontoiatrica, occorre considerare tutti i costi associati alla stampa 3D.

STEREOLITOGRAFIA MASCHERATA (MSLA)STEREOLITOGRAFIA (SLA)ELABORAZIONE DIGITALE DELLA LUCE (DLP)
Modelli e aziende produttriciForm 4B di FormlabsForm 3B+ e Form 3BL di FormlabsSprintRay, Asiga, Desktop Health, Carbon3D
Proprietà dell'apparecchioLe stampanti desktop partono da 6100 €, mentre la soluzione completa ha un costo di 7700 €.Le stampanti desktop partono da 5405 €, mentre la soluzione completa ha un costo di 6345 €. Le stampanti di grande formato partono da 14 000 €.Le stampanti desktop partono da 9500 €, mentre la soluzione completa ha un costo di 15 000 €. Le soluzioni di grande formato partono da 25 000 € e arrivano fino a 100 000 €.
Materie prime e di consumo99 €/l per le resine Model, più di 199 € per le resine biocompatibili.150 €/l per le resine Model più di 199 € per le resine biocompatibili.150 €/l per le resine Model più di 199 € per le resine biocompatibili.
ManodoperaBassa. Sono disponibili strumenti avanzati di post-elaborazione per ridurre al minimo la necessità di manodopera.Bassa. Sono disponibili strumenti avanzati di post-elaborazione per ridurre al minimo la necessità di manodopera.Dipende dall'azienda produttrice. Sono disponibili strumenti avanzati di post-elaborazione, ma in genere a costi più elevati. Molte soluzioni richiedono manodopera per impostare le stampe, versare la resina e molto altro.
ManutenzioneManutenzione minima.Manutenzione minima.A seconda dell'azienda produttrice, alcune stampanti richiedono notevoli interventi di manutenzione e calibrazione.
Piano di assistenzaDipende dall'azienda produttrice e dal pacchetto acquistato. Nel caso delle stampanti 3D odontoiatriche di Formlabs, nel prezzo della soluzione completa è incluso un piano di assistenza completo.Dipende dall'azienda produttrice e dal pacchetto acquistato. Nel caso delle stampanti 3D odontoiatriche di Formlabs, nel prezzo della soluzione completa è incluso un piano di assistenza completo.A seconda dell'azienda produttrice, può non essere presente o essere costoso (fino al 20% del costo della stampante all'anno).

I costi iniziali per portare queste stampanti in-house possono variare, ma il costo più elevato delle stampanti 3D DLP e di altre soluzioni dedicate al settore dell'odontoiatria non è necessariamente sinonimo di una qualità migliore o di un maggior numero di funzionalità. Oltre a disporre del maggior numero di stampanti 3D per l'odontoiatria, Formlabs sviluppa, produce e vende stampanti per molti altri settori. Questo significa che Formlabs vende più stampanti 3D in un mese di quanto non facciano la maggior parte delle aziende produttrici di stampanti 3D odontoiatriche in un anno. Questo volume si traduce in economie di scala che Formlabs può condividere con la clientela, rendendo il prezzo accessibile e competitivo.

Formlabs produce le resine BioMed e quelle per dispositivi medici presso una struttura registrata presso l'Agenzia per gli alimenti e i medicinali degli Stati Uniti (FDA) in Ohio, adottando un sistema di gestione della qualità con certificazione ISO 13485 ed EU MDR. In questo modo controlliamo la qualità dei nostri prodotti e siamo in grado di offrire resine a prezzi accessibili.

Il costo della manodopera è uno degli aspetti in cui emergono le maggiori differenze. Ad esempio, le stampanti 3D MSLA e SLA di Formlabs richiedono una configurazione minima e sono in grado di ricaricare automaticamente la resina, mentre alcune stampanti DLP richiedono una calibrazione frequente, lunghe configurazioni e la presenza di personale tecnico che si occupi di versare manualmente la resina e di rimetterla nei flaconi quando la stampante non è in uso.

Anche la post-elaborazione è più semplice con alcune soluzioni. La Form 4B può essere utilizzata con la Build Platform Flex, mentre la Form 3B+ può essere utilizzata con la Build Platform 2. Queste piattaforme di stampa flessibili consentono di rimuovere in modo facile e veloce le parti in pochi secondi senza usare alcuno strumento.

Le unità di post-elaborazione automatizzate, come la Form Wash e la Form Cure, velocizzano anche i processi di pulizia e polimerizzazione post-stampa. In questo modo, è possibile passare dalla stampa alla parte finale in pochissimo tempo, riducendo i tempi di completamento e il costo della manodopera.

Esternalizzazione e stampa 3D in-house a confronto

Stampante 3D Form 4B contenente una stampa completa di bite occlusali

Stampa da uno a sei bite occlusali in 35 minuti con la stampante 3D Form 4B

Nel settore dell'odontoiatria professionale, è comune iniziare il proprio percorso digitale esternalizzando alcune applicazioni. È una soluzione sensata nel caso della produzione in volumi ridotti e se si è alle prime armi con la stampa 3D o i software CAD/CAM per l'odontoiatria. Tuttavia, il costo complessivo dell'esternalizzazione lievita rapidamente e può superare nettamente i costi della produzione in-house nel giro di pochi mesi. Uno dei maggiori vantaggi della stampa 3D è la sua velocità rispetto ai metodi di fabbricazione tradizionali, soprattutto nei casi in cui esternalizzare la realizzazione delle parti richiede diversi giorni o addirittura settimane. Con la crescita della domanda e della produzione, i costi dell'esternalizzazione lievitano sempre di più.

Prendiamo in esame uno studio dentistico che produce dieci modelli di allineatori al giorno. Il costo fisso della manodopera è di 20 € all'ora e si prevede di mantenere questo livello di produzione per tutto l'anno, creando 3650 parti in un anno.

L'esternalizzazione non prevede costi di investimento iniziali e ogni parte ha un costo di 15 € con un tempo di produzione di una settimana.

In base a questi criteri, la soglia di pareggio si raggiunge in sole sette settimane. In altre parole, l'esternalizzazione è più economica della stampa in-house per le prime sette settimane, dopodiché diventa progressivamente più costosa. Portare la produzione in-house consente di risparmiare più di 40 000 € in un solo anno.

Formlabs Dental ha creato un calcolatore interattivo del ritorno d'investimento che consente di inserire il numero le parti da produrre a settimana e il costo della manodopera e di generare il proprio rapporto per confrontare i costi della produzione in-house con quelli dell'esternalizzazione.

Ecco alcune domande frequenti che i professionisti e le professioniste del settore dell'odontoiatria si pongono quando devono valutare la possibilità di esternalizzare la stampa 3D o di portarla in-house:

  • Quante parti a settimana sono necessarie? Come abbiamo visto, realizzando solo dieci modelli di allineatori al giorno, il costo dell'esternalizzazione supera di gran lunga quello della produzione in-house in meno di due mesi.

  • Quali saranno le applicazioni? I costi di esternalizzazione per i dispositivi biocompatibili intraorali più complessi possono essere sostanzialmente più elevati, con un ritorno d'investimento ancora più rapido per la stampa 3D.

  • Con che rapidità servono le parti? Se ti ritrovi spesso a dover gestire casi urgenti, i lunghi tempi di realizzazione dell'esternalizzazione possono rappresentare un ostacolo.

Oltre alla stampante 3D, cos'altro serve per iniziare? Sia gli studi che i laboratori hanno solitamente bisogno di un sistema di scansione e di un software per completare il workflow, ma nel secondo caso è possibile esternalizzare il design. Per saperne di più, consulta la nostra guida completa.

Esempi di costo per parte della stampa 3D odontoiatrica e ritorno d'investimento

Professionista dell'odontoiatria al computer che lavora a un modello CAD dentale

Prima di incrementare la produzione, parti con l'esternalizzazione del lavoro CAD/CAM o stampa pochi apparecchi.

Vediamo alcuni esempi di costo per parte basati sulle applicazioni odontoiatriche create con la Form 4B. Abbiamo già dimostrato che la stampa 3D in-house diventa ben presto più conveniente rispetto all'esternalizzazione, ma quanto costa effettivamente la stampa di diverse parti?

ApparecchioMateriale di stampaCosto per parte*TEMPO DI STAMPA: PIATTAFORMA DI STAMPA COMPLETA SU UNA FORM 4B
Modelli ortodontici e modelli di allineatori trasparentiFast Model Resin2-3 $11 modelli in 9 minuti
Bite occlusaliDental LT Clear Resin o Dental LT Comfort Resin4-5 $8 bite dentali in 49 minuti
CoronePremium Teeth Resin1-2 €Corona singola in 18 minuti
Resine per protesi dentali digitaliPremium Teeth Resin e Denture Base ResinCirca 10 €Protesi dentale completa in meno di un'ora (due stampe separate)
Dime chirurgicheSurgical Guide Resin2-4 $12 dime chirurgiche in 48 minuti
Modello di protesiPrecision Model Resin2-4 $10 modelli in 110 minuti

*I costi riportati in questa tabella tengono conto solo del costo effettivo dei materiali di stampa e non del costo delle attrezzature e della manodopera associata alla preparazione delle stampe.

Campione gratuito

Richiedi un campione odontoiatrico gratuito stampato in 3D

Vuoi toccare con mano la qualità delle stampe? Scegli un materiale e ti invieremo un campione gratuito stampato in 3D con la Form 4B da esaminare personalmente.

Richiedi un campione gratuito

Valutazione delle soluzioni di stampa 3D nell'odontoiatria

Una stampante 3D Form 4B, una Form Wash e una Form Cure su una scrivania accanto a uno scaffale su cui si trovano alcune cartucce di resina.

La Form 4B, la Form Wash e la Form Cure sono così compatte da poter essere posizionate su una scrivania, per cui l'intero ecosistema può essere facilmente installato in uno studio o in un laboratorio.

Le informazioni da tenere in considerazione quando si decide di investire in una stampante 3D odontoiatrica sono molteplici. Esamina i fattori trattati in questo articolo e le necessità specifiche della tua azienda. Svolgi tutte le ricerche necessarie, valuta parti reali e calcola il risparmio in termini di tempo e costi.

Vuoi scoprire di più sulle stampanti odontoiatriche? Scopri le stampanti odontoiatriche di Formlabs o contatta i nostri esperti di stampa 3D odontoiatrica per individuare la soluzione migliore per la tua azienda.

Scopri le stampanti 3D odontoiatriche di Formlabs